Prenota un consulto

Sono un giocatore compulsivo

Caro Dott Mancino,
Le cose vanno male, dopo l’ultima volta che ci siamo visti, giovedì scorso, sono ritornato a giocare, ho vinto circa 700€. Ma da venerdi ad oggi glieli avrò ridati con l’interesse. Non so nemmeno valutare quanto ho perso, so solo che oggi avrò passato circa 8 ore avanti alle slot. E se mentre giocavo mi capitava di recuperare qualcosa, non sono riuscito a fermarmi, ma a volte aspettavo, quasi desideravo, che finissero i soldi per staccarmi. E se quando esco fuori e torno a casa mi dico: basta! Poi il giorno dopo aumenta soltanto il desiderio di tornare a giocare. Eppure la prima volta che ci siamo visti a Gennaio mi sembrava molto positivo il nostro incontro, ma forse, riflettendo oggi, se non ho giocato per un mese e mezzo, è stato causato molto di più dalla paura che Maria era incinta e di cosa avevo combinato in preda alla mia poca lucidità, piuttosto che ai nostri discorsi. Io mi sono rivolto a lei perchè andare alle riunioni di Giocatori Anonimi mi fà stare molto male, anche se so che sono efficaci. Mi sento umiliato quando di rito ti saluti: Ciao sono xxxxx, Giocatore Compulsivo.
Eppure quando passo questi momenti mi rendo conto di essere malato, che è una malattia, che non riesco a governare, decidere di smettere di giocare quando voglio. Ma poi, quando passa un po di tempo senza giocare, appena sto un po meglio, mi illudo che è stato solo un momento e che forse non sono così malato. E ricomincia tutto. Ormai sono quasi due anni che va avanti cosi.
dott mi dica sinceramente se lei mi puo aiutare, oppure devo per forza frequentare l’associazione per non giocare. Mi dica se possiamo provare con l’ipnosi e se devo prepararmi in qualche modo prima.
Lo so che sta pensando che dipende tutto da me. Ma tutti i giocatori che ne sono usciti ci sono riusciti solo grazie all’aiuto di qualcuno. Ed io, ora, le sto chiedendo aiuto.
Notte

Privacy Policy