Nel corso di una ricerca il gruppo di adolescenti con disturbi dello spettro autistico trattato con la sostanza ha mostrato migliori capacità di riconoscimento emotivo rispetto al placebo

(Leggi l’articolo)