“Il desiderio si alimenta dell’assenza”

è una frase di Umberto Galimberti e si riferisce alla cattiva abitudine di regalare ai figli tutto prima che lo chiedano

I desideri li estinguono fin da piccoli i genitori riempiendoli di regali. I bambini scartano, vivono l’emozione dello scartare poi non gliene importa più niente. Perché il desiderio si alimenta dell’assenza: io desidero quello che non ho perché quello che ho non lo desidero, ce l’ho. E allora cosa succede più riempi i bambini di giocattoli, più riempi gli adolescenti di concessioni meno desiderano. Perché tu desideri ciò che riesci a strappare, anche trasgredendo. Ma devi fare delle azione prima di ottenere quello che desideri. Se ce l’hai prima di chiederlo il desiderio è morto. Ma questo fa parte del potere poiché il desiderio è potenzialmente rivoluzionario.

Vai al filmato

Prenota un colloquio telefonico col dottor Mancino